Luca Parmitano lancia dallo spazio un nuovo allarme riguardo effetto serra e cambiamenti climatici

 

Arriva ieri dallo spazio un nuovo allarme sui cambiamenti climatici. Luca Parmitano, in orbita con la missione Beyond, ha visto cose che noi umani possiamo purtroppo immaginare benissimo: desertificazione e scioglimento dei ghiacciai.

“E se non basta quello che vedo con gli occhi della cupola della stazione spaziale internazionale, ci sono le immagini drammatiche dei satelliti dell’Agenzia spaziale europea che mappano meticolosamente gli effetti catastrofici del riscaldamento globale”

Ha commentato l’astronauta catanese nella sua prima conferenza stampa della missione. Non è dunque una bella vista quella del pianeta Terra per chi ha notato in sei anni, da una missione all’altra, un cambiamento nell’espansione dei deserti e nello scioglimento dei ghiacciai. Ma come sta cambiando negli ultimi anni il clima? E come fa a scaldarsi il pianeta?

Luca Parmitano e il logo della sua nuova missione.

Global warming

Con il termine “riscaldamento globale” si intende l’aumento a lungo termine della temperatura media della terra. Nel contesto moderno i termini riscaldamento globale e cambiamenti climatici sono comunemente intercambiabili, ma nello specifico il secondo include sia il riscaldamento globale che i suoi effetti. La causa principale è stata riconosciuta nel 2013, nel quinto rapporto di valutazione dell’IPCC (gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici). L’IPCC ha concluso che è estremamente probabile che sia stata l’influenza umana la causa dominante del riscaldamento osservato dalla metà del secolo scorso.  Inoltre il rapporto stabilisce che la più grande influenza umana sia stata l’emissione di gas serra come anidride carbonica, metano e protossido di azoto.

Elenco dei maggiori produttori di gas serra.

Effetto serra

Per chiarire bene di cosa si tratta dobbiamo prima parlare delle radiazioni. Il fenomeno delle radiazioni è un processo in cui un corpo, ad esempio un atomo, emette energia che si propaga attraverso un mezzo o uno spazio vuoto. In fisica esistono diverse tipologie di radiazioni, ma quelle che a noi interessano sono quelle elettromagnetiche:  emissioni di energia che prendono la forma di un’onda auto propagante di campi elettrici e magnetici. Queste radiazioni comprendono, a seconda della frequenza e lunghezza d’onda, onde radio, microonde, infrarossi, luce visibile, ultravioletti, raggi X e raggi gamma.

Rappresentazione grafica di un’onda elettromagnetica.

Un gas ad effetto serra, abbreviato anche come GHG (green house gas), è un gas che assorbe ed emette energia radiante nell’intervallo degli infrarossi termici. A questo punto non fraintendete, perché senza questi gas la temperatura media sulla superficie terrestre sarebbe circa -18 °C. Le attività umane hanno però prodotto un aumento del 45% della concentrazione atmosferica di questi gas, in particolare di CO2. Se le emissioni di gas ad effetto serra dovessero continuare al loro ritmo attuale, il riscaldamento globale potrebbe far sì che la temperatura superi i valori storici già nel 2047, con effetti che andrebbero ben oltre la desertificazione e il ritiro dei ghiacciai, come la perdita di alcuni ecosistemi e biodiversità.

La nuova missione di Luca

Il 21 luglio scorso l’astronauta dell’ESA Luca Parmitano è arrivato alla stazione spaziale internazionale per la missione ‘Beyond’, segnando l’inizio dell’Expedition 60. Nei prossimi sei mesi, Luca supporterà 50 esperimenti europei e 200 esperimenti internazionali. Questi ultimi includono indagini sugli effetti della microgravità sul corpo umano. Nonostante gli obiettivi prefissati, il primo italiano a prendere il posto di comando sulla ISS non perde l’occasione di accentuare non i problemi che abbiamo nello spazio ma quelli che abbiamo ancora sulla Terra.

Matteo Vailati

 

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.