Il Superuovo

L’irresistibile fascino della trasgressione in Breaking Bad e Vittorio Alfieri

L’irresistibile fascino della trasgressione in Breaking Bad e Vittorio Alfieri

La trasgressione alle regole, di qualsiasi natura esse siano, ha sempre affascinato l’uomo.

 

Ritratto di Vittorio Alfieri, Wikipedia

 

Il brivido che attraversa la schiena per tutta la sua lunghezza quando si infrange un divieto è intenso quanto controverso: esso ci catapulta in uno stato di eccitazione misto a vera paura. È così anche per i nostri protagonisti di oggi: Walter White e Mirra.

“Wanna cook”?

Per molti di noi il nome Walter White suona alquanto familiare. Egli è, infatti, il protagonista della serie americana Breaking Bad, iniziata a girare nel 2008 e comprendente 5 stagioni. Riuscire a riassumere in poche righe l’intera trama è a dir poco titanico ma, per lo meno, si può delineare intanto chi sia questo Mr. White. Professore di chimica dalle straordinarie capacità in materia, tanto da aver contribuito ad un premio Nobel, Walter è malato di un tumore ai polmoni in fase molto avanzata che richiederà alla famiglia uno sforzo economico talmente oneroso da essere fuori portata. La preoccupazione economica di Walt per sé e per i suoi cari, la moglie incinta Skyler e il figlio Walter Jr., lo porterà ad una scelta impensabile: cucinare metanfetamina. Insieme al suo ex allievo e “cuoco” Jesse Pinkman inizieranno a produrre la “meth” più pura in circolazione, frutto di calcoli scientifici accurati e della straordinaria abilità chimica di “Heisenberg”, nome d’arte datosi dal protagonista. Un ordinario uomo di mezza età si getta nel tenebroso mondo della droga….cosa succederà? Ma soprattutto, cosa scatenerà in lui questa rivoluzione esistenziale?

Jesse Pinkman e Walter White

Un’attrazione fatale

La carriera da “cuoco” prenderà subito una piega irreparabile. Innumerevoli imprevisti tra cui assassini, sparatore ed esplosioni costelleranno il battesimo del sig. White in questo nuovo mondo. Ciò che colpisce di più mentre si prosegue nella visione è il comportamento di Walt. Se all’inizio egli non ha ben chiaro dove si stia andando a cacciare, con il passare del tempo diventa sempre più risoluto, spietato, forse consapevole di dover atteggiarsi così per poter sopravvivere nel mare affollato di squali in cui sta nuotando. Questo cambiamento era prevedibile, o meglio, necessario, ma è un altro l’aspetto della sua personalità che emerge poderoso dando un gusto “speziato” al personaggio: il desidero e, in un secondo momento, l’appagante necessità di infrangere la regole. Il godimento provato è incalcolabile. Il bisogno di uscire dalla mediocrità sino ad allora vissuta non si può fermare. Egli sembra entrare in un vortice di totale trasgressione che aumenta sempre più d’intensità, portandolo a compiere azioni scellerate se confrontate al pacato professore conosciuto nel primo episodio. Col tempo assume perfettamente i panni del gangster senza scrupoli: intimidazioni, furti, omicidi, droga anche se, in alcuni momenti, pare che il vecchio e “buono” Walt riaffiori, gettando il protagonista in una profonda crisi. Innumerevoli sarebbero le avventure da raccontare…ma qui non sono ammessi spoiler esagerati!

Il cast della serie

L’amore più proibito di tutti

La trasgressione, però, trova uno dei suoi apici più controversi in ambito amoroso. Qual è, da sempre e in quasi tutte le culture, il rapporto amoroso da esecrare? Senza dubbio quello incestuoso. Unirsi con un consanguineo è considerato aberrante, motivo per cui la letteratura, in particolare la tragedia, si è spesso servita di questo topos, capace di generare nel pubblico un intenso pathos ricco di sentimenti contrastanti. È questo il caso del dramma Mirra di Vittorio Alfieri, composto tra il 1784 e il 1786. Il cuore dell’intera vicenda ruota attorno all’amore incestuoso provato da Mirra verso il padre Ciniro, con il quale desidera ardentemente congiungersi. A questa irrefrenabile spinta erotica s’oppone l’amore filiale che ella prova: il personaggio è lacerato interiormente da queste passioni potenti e contrastanti. Alla fine ella confessa il proprio amore al padre, inorridito dalla notizia: in questa situazione di incredulità, Mirra sfila la spada dalla cinta di Ciniro e si trafigge a morte, chiudendo il cerchio tragico.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: