Il Superuovo

La genitorialità omosessuale non è negativa per i figli, come dimostrato in “Aguzzini in casa”

La genitorialità omosessuale non è negativa per i figli, come dimostrato in “Aguzzini in casa”

Per permettere ai propri figli di crescere bene non è importante la sessualità dei genitori ma i metodi educativi utilizzati

Aguzzini in casa: la vicenda del piccolo Gabriel Fernandez” è una docuserie presente su Netflix in cui si racconta dei maltrattamenti e dell’omicidio subiti da un bambino di 8 anni, evidenziando inoltre il fallimentare sistema di protezione dei minori americano.

Gabriel Fernandez

Per un momento provate a tornare bambini, usate l’immaginazione, e ricordate di quando eravate in viaggio verso casa dopo una bella giornata di scuola. Avete giocato con i vostri compagni, avete fatto vedere i vostri disegnini alla maestra e non vedete l’ora di farli vedere alla mamma sapendo che vi abbraccerà fortissimo perché le siete mancati dopo un’intera giornata a scuola. Per molti di voi questo può essere un bel ricordo, ma per Gabriel Fernandez rimarrà per sempre un grande utopia. Il povero bambino, di soli otto anni, è deceduto nel 2013 in California a causa dei maltrattamenti a cui veniva sottoposto dalla sua mamma e dal suo compagno e per via di un sistema di tutela dei minori fallimentare accecato dai propri interessi. Pearl, la mamma del piccolo Gabriel, non ha mai voluto quella gravidanza e non appena il piccolo è vento alla luce non vedeva già l’ora di sbarazzarsene. Per questo a prenderlo in custodia, dopo soli tre giorni dalla sua nascita, sono stati il suo prozio Michael e il suo compagno David che lo hanno accudito come fesse loro figlio per un anno e mezzo. In questo lasso di tempo, un anno e mezzo, Gabriel ha potuto vivere a pieno la felicità e tutte quelle emozioni che solo una famiglia sa dare. Purtroppo, il pregiudizio, figlio di una cultura vecchia e becera, porta il nonno del piccolo Gabriel a decidere di allontanare il nipote dalla coppia omosessuale dando così inizio a quei processi che permetteranno a Pearl di ottenere la custodia del piccolo.

La buona genitorialità

Premettendo che la famiglia perfetta non può esistere, ci sono alcune funzioni che i genitori devono assolutamente assumere affinché il proprio figlio cresca nel migliore dei modi e nel pieno delle sue potenzialità. Quando si parla di genitorialità non si intende il legame biologico che c’è in famiglia ma ciò che un individuo fa per provvedere all’altro, per esempio curandosi del suo corpo, difendendolo dalle difficoltà della vita, comprendendo le sue emozioni, essendo di riferimento per lui ecc.. I comportamenti genitoriali che le persone adottano si apprendono con le esperienze che tutti facciamo fin dalla nascita in quanto introiettiamo quelli schemi comportamentali che i nostri stessi genitori hanno adottato con noi.

Cultura di pregiudizi

Come si nota nella docuserie di cui stiamo disquisendo, a dare inizio a quella serie di eventi che hanno portato Pearl ad ottenere l’affido di Gabriel è stata la decisione del nonno del piccolo di allontanare il bambino dalla coppia omosessuale che se ne prendeva cura perché egli era pregiudizievolmente convinto che crescere con due papà non avrebbe fatto bene a Gabriel. Ma è davvero così? Ovviamente no, come ha dimostrato l’epilogo di questa triste storia, perché ciò che conta per i bambini non è il sesso dei genitori ma il tipo di interazioni quotidiane che questi hanno con le loro figure di riferimento, con le quali costruiscono significati e interiorizzano idee e valori. Alla base di questo tipo di pregiudizi c’è l’influenza di un sistema culturale ritenuto valido fino agli anni Ottanta che considerava tutti quei nuclei familiari differenti da quelli “normali” come devianti e quindi patologici.

Conclusione

Oggi la nostra cultura progredisce sempre più anche se ci sono ancora persone, e persino esponenti politici, che non riescono a comprendere come non sia la sessualità di una persona ad essere negativa per i più piccoli ma il non concederli l’unica cosa di cui hanno davvero bisogno: l’amore incondizionato e tutto ciò che da esso deriva.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: