La fugacità della felicità raccontata dal C.S.I. che si ispira a Pasolini

Il Consorzio dei Suonatori Indipendenti canta “Irata”, una delle canzoni dove meglio si coglie l’influenza dello scrittore Pierpaolo Pasolini.

 

Il CSI è noto per il suo frontman stravagante, per le musiche da atmosfere oniriche e per i continui rimandi letterari, come nel caso di “Irata”, estratta dall’album “Linea Gotica”, ispirata alla poesia “Oggi è domenica, domani si muore” della raccolta “Poesie a Casarsa” di Pasolini.

 

 

Linea Gotica

È il luglio 1943. Gli alleati sbarcano in Sicilia, mentre i tedeschi spostano truppe verso l’Italia, occupando gran parte del centro-nord. Una poderosa linea difensiva, voluta dal generale Albert Kesselring e dallo stesso Hitler, spacca in due la penisola. Dal Tirreno (valle del Magra) all’Adriatico (valle del Foglia), per oltre 300 chilometri corre, lunga ed imperterrita, la “Linea Gotica”, segno di una guerra estenuante che divide, distrugge. Una guerra che non lascia nient’altro che macerie, sulle quali si erge la tabula rasa elettrificata cantata dal CSI, il gruppo new wave italiano che ebbe i suoi anni d’oro durante gli anni ’90. Ed è proprio nel ’96 che viene pubblicato l’album capolavoro dei CSI, inserito da Rolling Stone all’ottavo posto tra i 100 dischi italiani più belli di sempre: Linea Gotica. Definito dallo stesso cantante Giovanni Lindo Ferretti  come «un disco di chitarre elettrificate, perché questo è il suono del nostro tempo» “Linea Gotica” nasconde, tra le sue tracce, innumerevoli rimandi alla letteratura italiana, in particolare nella nota “Irata”.

Senza aperture melodiche, con il tono di una litania asfittica dall’atmosfera cupa e densa, “Irata” ha una bellezza sospesa ad ogni suono, la bellezza di chi si veste per il giorno di festa pur essendo consapevole della sua fine perché come ripetuto nel ritornello, ripreso da una poesia di Pierpaolo Pasolini, “oggi è domenica, domani si muore”.

 

 

L’esordio di Pasolini

Linea Gotica” è un album affermazione di resistenza intellettuale e personale di fronte a un mondo che va in pezzi, ed è per questo che il Consorzio Suonatori Indipendenti si appella al poeta delle “Ceneri di Gramsci”, caratterizzato da quella disperata intransigenza vicina al mondo delle borgate, della gente normale, di quelli che la storia la fanno e la vivono.

Quella citata in “Irata” è però una poesia del primo Pasolini, quello di “Poesie a Casarsa”, dell’opera d’esordio non in italiano, ma in dialetto friulano, precisamente nel dialetto di Casarsa, paese natale della madre. Negli anni della guerra lo scrittore scopre con entusiasmo la cultura popolare friulana. La scelta del dialetto, lingua originaria, lontana dall’artificiosità dell’italiano letterario, assume il valore del ritorno alle origini, della riconquista della felicità infantile.

Le poesie ritraggono un mondo idillico, un mondo di innocenza primigenia nel quale sopravvivono i ritmi e i riti arcaici della civiltà contadina. Il contrasto tra il desiderio di purezza e la coscienza della propria diversità trova un parallelo, secondo il poeta, nell’opposizione tra l’antica civiltà contadina e la moderna civiltà industriale, tra la natura e la storia.

La musica della poesia

È così che “Irata” dà voce alla prima raccolta di Pasolini, con una canzone dalla melodia inquieta e ripetitiva, un mix tra la nenia e il requiem, che riesce perfettamente ad incarnare quella che è la condizione di “Vuei a è Domènia, doman a si mòur, “oggi è domenica, domani si muore”, una delle più note poesie della raccolta, a metà tra onirico e semantico. Pasolini, assieme a Fenoglio e ai suoi lavori, è tra i riferimenti onnipresenti nella discografia del CSI, che riesce a dare ritmo alla letteratura, senza mai privarla della sua voce.

“Irata” è un lento mantra circolare, una musica che sugella l’eternità della poesia, e lo sgomento che essa provoca in noi, del quale non sappiamo “parlare né fare domande…”.

 

 

 

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: