Il Superuovo

La figura nel dipinto di Piero della Francesca riassume l’evoluzione da Mecenate ai mecenati

La figura nel dipinto di Piero della Francesca riassume l’evoluzione da Mecenate ai mecenati

Mecenate svolge il ruolo importantissimo di promozione ideologico-culturale nella società augustea. A partire dalla sua azione si sviluppa nella storia la figura del mecenate, il protettore e il diffusore delle arti e della cultura nella società. 

Gaio Cilnio Mecenate fu grandissimo amico di Ottaviano Augusto. Anche se, verso la fine della propria vita abbandonò il proprio ruolo socio-culturale, il suo impegno nella diffusione dell’ideologia augustea fu sicuramente molto marcato.

Riassunto degli eventi che portarono all’ascesa di Augusto

Il I secolo a.C. potrebbe essere definito “il secolo rosso”: per circa ottant’anni , infatti, Roma era stata in balìa di guerre civili. Prima lo scontro tra Silla e Mario, poi quello tra Cesare e Pompeo e infine quello tra Ottaviano e Antonio causarono ovviamente un profondo mutamento politico, a partire proprio da Silla. Il più grande mutamento fu, di fatto, l’abbandono della libertà e la confluenza di tutti i poteri nelle mani di un princeps. Dalle proscrizioni sillane alla dittatura perpetua di Cesare, alle nuove proscrizioni di Ottaviano e Antonio, fino alla battaglia di Azio, una nuova strutturazione politica stava sempre più affermandosi a Roma. In un secolo si passò da res publica Romana a principatus Romano. Una volta sconfitti i propri nemici, Augusto aveva un importante compito da svolgere, un compito legato all’accettazione del nuovo ordine da parte del popolo.

Gaio Cilnio Mecenate

Gaio Cilnio Mecenate

Dopo la presa di potere di Ottaviano e dopo l’ottenimento del titolo di Augusto (28 a.C.), per l’imperatore era importante trasmettere l’idea di continuità valoriale con il passato. Per far ciò si affidò alla figura di Gaio Cilnio Mecenate. Sulla figura di Mecenate vi sarebbero molte storie da raccontare. Ciò che colpisce è la sua amicizia, inizialmente molto forte, con Augusto. Sicuramente uno degli elementi più noti della storia del personaggio è la formazione di un famosissimo circolo di letterati, che prende il nome di “circolo di Mecenate”. A fianco al suo circolo se ne formò un altro di uguale importanza e con obiettivi molto simili, il “circolo di Messalla Corvino”. Di questi circoli fecero parte molti letterati di età augustea con orientamento filo-imperiale. I poeti dei circoli avevano il compito fondamentale di propagandare i valori augustei, sottolineandone la continuità con il passato. Grazie ad Augusto erano stati ridati potere e autorità al senato e soprattutto era tornata la pace. Celebrando questo valore, a fianco al conseguente ritorno all’età dell’oro, fu il più celebrato dai poeti augustei. Il ruolo di Mecenate fu dunque cruciale: circondarsi di bravi poeti, celebratori dei valori augustei, fornendo loro benefici economici con cui sostentarsi.

“La pala di Brera” di Piero della Francesca

La “pala di Brera” di Piero della Francesca

La cosiddetta “pala di Brera” di Piero della Francesca riassume per bene l’immagine del mecenate che si viene a formare nei secoli successivi, proprio a partire dall’azione di Gaio Cilnio Mecenate. Il dipinto, che ha per titolo Sacra Conversazione con la Madonna col Bambino, sei santi, quattro angeli e il donatore Federico da Montefeltro, rappresenta i personaggi qui elencati in conversazione. Un particolare interessante è la presenza anche del committente tra questi personaggi sacri. Ecco riassunto il percorso di sviluppo della figura del mecenate nella storia. Il mecenate, o committente, è colui che finanzia un’opera artistica o letteraria e che talvolta ne supervisiona l’esecuzione. Nonostante in alcuni casi si sia persa la funzione politica del mecenate, che non ha più soprattutto il compito di promuovere e diffondere i valori del regime, egli resta sempre una figura di riferimento per gli intellettuali e gli artisti. Il pittore è pagato da lui e grazie a lui è introdotto nella società intellettuale della sua epoca. Il mecenate svolge un ruolo talmente importante nella promozione e nella diffusione della cultura, che Piero della Francesca lo inserisce addirittura tra i santi nel suo dipinto. Un ruolo importante che prende le mosse dal ruolo cruciale di Gaio Cilnio Mecenate nella società augustea.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: