Inattivi ma produttivi, si può? L’otium di Petrarca e la borsa di studio per la pigrizia

1600 euro per non fare qualcosa? L’Università di Amburgo cerca di promuovere l’inattività attiva.

Cosa non vuoi fare? Per quanto tempo non vuoi farlo? Perché è importante non fare questa cosa in particolare? Perché sei la persona giusta per non farlo?
Queste le domande nel modulo di domanda per la borsa di pigrizia offerta dall’Università delle Belle Arti di Amburgo: tre borse di studio dal valore di 1600 euro.

Inattività attiva

Cosa posso evitare per far sì che la mia vita abbia meno conseguenze negative sulla vita degli altri?” – Questo è il titolo della mostra che includerà tutte le candidature. L’architetto Friedrich Von Borries, promotore dell’iniziativa, sostiene che impegnarsi per non compiere una determinata attività non è facile come sembra, e spiega l’intenzione di promuovere l’inattività attiva. In una società ricca di contraddizioni e divisa tra sostenibilità e corsa al successo, è utile riconoscere quanto produttiva possa essere anche la rinuncia ad una determinata attività. Massima libertà sulla scelta dell’ambito nel quale abbandonarsi alla pigrizia, massima libertà sulla scelta del tempo di rinuncia. Nessun impegno a dover mantenere la promessa di pigrizia: le tre borse di studio verranno assegnate dopo la consegna di un rapporto sull’esperienza. Un esempio? La rinuncia allo shopping, per un tempo che può essere stabilito da chi ha intenzione di provarci.

Petrarca e l’otium

Emblematica più che mai, per una riflessione sull’inattività attiva, è la personalità di Francesco Petrarca, ricca di contraddizioni. Sospeso tra l’aspirazione a valori tutti mondani e un’interiorità fortemente religiosa, il poeta denomina accidia l’incapacità di trovare un equilibrio tra le due parti. Nel trattato De Otio Religioso descrive come pace e gioia siano la conseguenza dell’abbandono della mondanità, nel De vita solitaria espone la sua concezione di un otium che coincide con quello dei classici: nonostante viaggi, incarichi e missioni diplomatiche mai Petrarca distoglie l’attenzione da un’introspettiva e meditativa riflessione intellettuale.

Dimmi, o padre, quanto valuti tu questi beni che sono alla portata di tutti: vivere come vuoi, andare dove vuoi, stare dove vuoi, riposare di primavera sopra un giaciglio di fiori purpurei, d’autunno tra mucchi di foglie cadute; ingannare l’inverno con lo starsene al sole, l’estate con l’ombra e non sentire né l’una né l’altra stagione se non fin dove tu vuoi? Ma in ogni stagione essere padrone di te, e, dovunque ti trovi, vivere con te stesso, lontano dai mali, lontano dall’esempio dei cattivi, senza essere spinto, urtato, influenzato, incalzato; senza essere trascinato a un banchetto mentre preferiresti aver fame, costretto a parlare mentre brameresti star zitto, o salutato in un momento inopportuno, o afferrato e trattenuto agli angoli delle strade e, secondo i dettami di un’educazione grossolana e sciocca, messo tutto il giorno in berlina a osservare chi ti passa dinanzi[…]” Francesco Petrarca, De Vita Solitaria, I

L’otium come percorso interiore

L’otium a cui fa riferimento Petrarca consiste in uno stile di vita che ha come diretta conseguenza il ritrovarsi padroni di se stessi, delle proprie azioni e del proprio pensiero. La mondanità della vita quotidiana, infatti, ci porta spesso ad uno stile di vita frenetico che ci priva di quei momenti di raccoglimento in realtà necessari per comprendere a pieno i progetti da definire e i traguardi già raggiunti. E allora l’obiettivo di una inattività attiva non è produttivo solo nei confronti del prossimo della società, ma anche per sè. Esemplare, a tal proposito, è una citazione dalle Confessioni di Agostino ripresa da Francesco Petrarca in un’epistola:

E gli uomini se ne vanno ad ammirare gli alti monti e i grandi flutti del mare, e i larghi letti dei fiumi e l’immensità dell’oceano e il corso delle stelle, e trascurano se stessi.”

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: