Il Superuovo

“Il Petroliere” mette in scena gli effetti della “religione della roba” di Verga

“Il Petroliere” mette in scena gli effetti della “religione della roba” di Verga

La pellicola di Paul Thomas Anderson mostra le conseguenze della filosofia di vita di Mazzarò, il protagonista della novella di Verga che costituirà poi anche il nucleo iniziale del “Mastro-don Gesualdo”, ovvero “La Roba”.  

Un fotogramma della scena dell’incidente al pozzo di Little Boston (https://www.comingsoon.it/film/il-petroliere/947/scheda/)

Un’analisi dell’ascesa economica e del declino spirituale dei protagonisti delle due opere.

“Uno dei migliori film degli anni 2000”

Il Petroliere (2007) è la pellicola che ha consacrato P.T. Anderson come uno dei migliori registi della storia del cinema degli ultimi anni e che ha fatto vincere a Daniel Day-Lewis il suo secondo Oscar. Racconta la storia di Daniel Plainview, un minatore che alla fine dell’800 scopre casualmente dei pozzi di petrolio e che in pochi anni mette in piedi una florida compagnia di estrazione petrolifera, innalzando il suo status economico. Tuttavia, la ferrea etica professionale di Daniel, che gli vale tanta fortuna, diviene anche la sua rovina. Egli infatti non guarda in faccia a nessuno quando si tratta di affari. Quando il figlio rimane sordo in seguito ad un incidente, Daniel lo spedisce via, lontano da sé e dai suoi pozzi, così da non essere distratto dal lavoro. Inoltre, arriva persino ad uccidere a sangue freddo un uomo che si spaccia per suo fratello, probabilmente per timore di vedersi portare via una porzione dei suoi terreni. A causa della sua eccesiva cupidigia Daniel comincia ad odiare le persone, come lui stesso confida ad Henry, l’uomo che tenta di ingannarlo:

Io guardo le persone e non ci trovo niente di attraente. Io vedo il peggio delle persone. Voglio guadagnare così tanto da stare lontano da tutti.

Nella scena finale del film Daniel è vecchio, solo e mezzo matto e ammazza un’altra persona, Eli, il pastore di Little Boston, col quale ha degli alterchi per via di alcuni terreni. Di seguito, il link alla scena finale del film in HD:

https://www.youtube.com/watch?v=GX-9wXFQRgA 

Daniel Plainview, interpretato dall’attore premio Oscar Daniel Day-Lewis (http://cinema.everyeye.it/articoli/speciale-l-ultimo-inchino-del-petroliere-daniel-day-lewis-fra-passione-rispetto-33947.html)

Il prototipo del self-made man

La Roba è una novella di Verga e racconta la storia di Mazzarò, un contadino che partendo dal niente, grazie al duro lavoro, riesce a diventare ricco. Egli sacrifica i suoi affetti, il cibo e il riposo alla roba e ha come unico scopo nella vita quello di accumularne il più possibile. Mazzarò riesce nel suo intento, tuttavia quando realizza di essere in punto di morte perde il senno, ma non perché si rende conto di essere solo e di non avere nessuno al suo fianco, bensì si dispera per il fatto di non poter portare con sé nella tomba tutti i suoi averi.

Differenze e analogie

Le differenze tra le due opere, questa volta, non sono molte. Vi sono invece moltissimi aspetti comuni, primo fra tutti il fatto che sia Mazzarò che Daniel partono praticamente da zero. Entrambi svolgono lavori molto umili prima di fare fortuna, tuttavia va sottolineato che Mazzarò lavora sodo per tutta la vita per raggiungere il suo scopo, mentre Daniel ha un colpo di fortuna quando trova per la prima volta il petrolio. Inoltre, le due storie sono ambientate più o meno nello stesso periodo storico, ovvero a cavallo tra l’800 e il ‘900, con l’unica differenza che Il Petroliere ha per sfondo gli U.S.A. mentre La Roba si svolge nella Sicilia rurale post unità d’Italia. L’aspetto comune più importante delle due opere, comunque, è che entrambe mostrano le conseguenze del volersi arricchire ad ogni costo. Entrambi i personaggi infatti dedicano la loro vita al lavoro e al guadagno e si lasciano travolgere dalla cupidigia. Questo li porta a non creare alcun tipo di legame umano con nessuno e a morire soli, come degli emarginati. Daniel, in realtà, ha un figlio, H.W., ma non è veramente suo, è solo un bastardello che adotta da neonato per addolcire i proprietari dei terreni che vuole acquistare. Inoltre, quando H.W. rivela a Daniel di voler cominciare una propria attività in Messico, l’uomo si adira e gli racconta la verità sul suo conto, ma non per amore verso il figlio, bensì per ripicca. È interessante altresì notare che col termine roba Verga si riferisce soprattutto ai possedimenti terrieri di Mazzarò, sono quelli infatti la sua vera fonte di ricchezza, proprio come per Daniel.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: