Come suggerisce la parola, il ghosting è quel fenomeno per cui una persona si dissolve da un momento all’altro senza dare spiegazioni. Questo comportamento è legato all’uso della tecnologia che rende tutto questo molto più semplice. In meno di un secondo si può eliminare una chat, bloccare una persona o eliminare il proprio profilo dai social. E’ come se ci trasformassimo in veri e propri fantasmi senza il coraggio di dire a una persona le cose come stanno, come quando finisce una relazione o non si ha più voglia di coltivare un’amicizia. Purtroppo il ghosting è un comportamento sempre più diffuso e sembra che l’80% delle persone tra 18 e i 33 anni abbia avuto, almeno una volta, un’esperienza di ghosting. 

Il ghosting è solo negativo?

Chi fa ghosting non si prende la responsabilità dei rapporti che intrattiene con le persone, ma in un mondo social come quello di oggi può rappresentare anche una rapida soluzione. Basti pensare a chi fa uso di Tinder, l’app degli appuntamenti: come si può trattare cordialmente ogni persona con cui si chatta? Quando le chat iniziano ad essere tante ( in fondo l’anima gemella non si trova al primo colpo), è impegnativo dover rifiutare molte persone. Così la soluzione più semplice e, per alcuni, “elegante” è far intendere che il proprio interesse è svanito non rispondendo più. Sicuramente non è uno dei nostri atteggiamenti migliori nei confronti di qualcuno, ma in fondo chi di noi non l’ha fatto almeno una volta? Tutti noi preferiamo investire tempo ed energia solo per chi ne vale veramente la pena.

Come influisce la psicologia sul fenomeno del ghosting?

La dissonanza cognitiva può avere un ruolo in tutto questo. Sembra che i ghosters si autoconvincano che non ci sia niente di male nel loro comportamento. La dissonanza infatti implicherebbe entrare in conflitto con sè stessi e così per evitarlo preferiscono trovare motivi che confermino il senso delle loro azioni. Dunque i ghosters non si fanno problemi a sparire ed evitano di empatizzare con la “vittima” del loro comportamento. Hanno maggiori probabilità di attuare comportamenti di ghosting coloro che non credono che le relazioni possano crescere o che l’attrazione possa approfondirsi nel tempo. In genere preferiscono abbandonare il campo e tentare con qualcuno di nuovo. Al contrario chi crede che le relazioni possano evolversi nel tempo, difficilmente tende a sparire di punto e in bianco. Che cosa accade invece alle vittime del ghosting? Il ghosting è deleterio per l’autostima perchè ci fa chiedere in che cosa abbiamo sbagliato e non ci dà modo di poter rimediare alla rottura della relazione. Per alcune persone può diventare un vero e proprio trauma poichè non capiscono il motivo e tendono a colpevolizzare sè stessi convincendosi di non meritare nemmeno una rottura “tradizionale”. Alcuni studi psicologici dicono che il rifiuto sociale innesca gli stessi meccanismi del dolore fisico. Chi presenta bassa autostima tollera più difficilmente il dolore e l’abbandono.

Come reagire al ghosting

Il ghosting è un comportamento passivo-aggressivo perchè per quanto possa sembrare innocente, in realtà fa molto male agli altri. Chi subisce questo tipo di atteggiamento tende a ripeterlo a sua volta contro qualcun altro, alimentando questa catena di atteggiamenti “insani”. Non è facile chiudere con qualcuno, ma sicuramente la cosa migliore è fornire almeno una breve spiegazione. Per tutti quelli che stanno soffrendo a causa del ghosting del loro ex o di un vecchio amico/a, il consiglio è cercare di capire che chi si comporta così non è pronto a vivere con onestà i suoi sentimenti e a trattarvi con maturità. Quando vi sentite rifiutati pensate che in realtà non era la persona più adatta con cui avere una relazione in quel momento. Il ghoster infatti fa affidamento su dei meccanismi primitivi di coping, che sono l’evitamento e la negazione. Perciò non preoccupatevi perchè probabilmente il problema non eravate voi, ma il vostro ghoster.

Virginia Famà

 

 

 

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: