Il Superuovo

Gli alieni ci hanno fatto visita? Vediamo le loro possibili presenze nel passato

Gli alieni ci hanno fatto visita? Vediamo le loro possibili presenze nel passato

Un astronomo di Harvard, Avi Loeb,nel 2017 sostenne la possibile esistenza degli extraterrestre. Non è stato il prima a dire che E.T. possa esistere, già nella storia sono molti i racconti di essere provenienti da altri pianeti.

Extraterrestri nella storia

La teoria degli antichi astronauti, detta anche teoria del paleocontatto o paleoastronautica, è l’insieme delle teorie che ipotizzano un contatto tra civiltà extraterrestri e antiche civiltà umane, quali Sumeri, Egizi, civiltà dell’India antica e civiltà precolombiane. Secondo questa teoria: la specie umana sarebbe il risultato di una creazione programmata, ovvero di esperimenti genetici condotti da extraterrestri sugli ominidi che fino a quel punto si sarebbero evoluti spontaneamente sulla Terra in concordanza con la Teoria di Darwin e dunque, in questo caso, senza nessuna apparente contraddizione con essa. Il fine di questi presunti alieni sarebbe stato accelerare l’evoluzione spontanea della specie umana: adattamento evolutivo e neo creazionismo dunque sarebbero veri entrambi. Il principale argomento a sostegno di questa teoria è il tempo relativamente breve (300.000 anni) impiegato dall’Homo sapiens per giungere a un livello evolutivo mai raggiunto da altri organismi, pur presenti sulla Terra da centinaia di milioni di anni.
Secondo i suoi sostenitori, elementi a favore della teoria degli antichi astronauti sarebbero riconoscibili nell’architettura e nell’arte antica. Sono stati individuati siti archeologici che, secondo i sostenitori della congettura, testimonierebbero il contatto tra la specie umana e visitatori extraterrestri, in cui la perizia costruttiva sarebbe la conseguenza dell’uso di tecnologie aliene. Gli ufologi, e in particolare i clipeologi, citano i siti di Giza, le Linee di Nazca, i monoliti di Stonehenge, oltre a incisioni rupestri e statuette rinvenute nelle Americhe, nelle isole del Pacifico, in Australia, in aree europee come la Scozia e in zone alpine, quali il Musinè o la Val camonica. Le popolazioni umane primitive avrebbero visto le forme di vita aliene come “angeli”, “spiriti”, “dei” o “semidei”.

Alieni nel rinascimento italiano

In moltissimi quadri del periodo rinascimentale sono presenti alcuni elementi che possono rimandare all’ esistenza di extraterrestri e della loro visita sulla Terra.
Una delle opere più importanti del periodo Madonna con bambino e San Giovannino, sembra che sullo sfondo il pittore abbia realizzato un UFO. Tanto che oggi il quadro è famoso proprio con il nome di: “Madonna dell’UFO”, molto probabilmente, però l’autore stava realizzando un angelo. Un’ altra opera di notevole importanza “Esaltazione dell’Eucaristia”. Rappresenta nelle mani del Cristo la Terra, con una forma molto simile al primo satellite inviato dai sovietici nello spazio. Anche se in realtà anche qui l’immagine è carico di simbolismo religioso e starebbe rappresentando l’universo e non un satellite. La pittura rinascimentale è studiata a fondo da chi sostiene l’esistenza delle scie chimiche per capire che forma avessero le nuvole in antichità. In un periodo in cui, secondo chi crede in questa teoria, il mondo era ancora al sicuro dai tentativi di condizionamento psicologico tramite agenti psicoattivi propagati nell’atmosfera. L’unico pittore a turbare un po’ gli animi e a generare dubbi è Piero della Francesca, L’artista non rappresentava le famose strisce bianche nel cielo, ma un tipo di nube comunque molto particolare, allungata ai lati e rotonda nella parte centrale che può rimandare facilmente alla figura di un UFO.

Oggetti non identificati recentemente.

Nel 2017 nei nostri cieli fu avvistato un oggetto volante non identificato, dalla vaga forma a sigaro, che attraversò l’intero Sistema Solare per poi sparire nello Spazio profondo. Gli astronomi lo chiamarono “Oumuamua”, e passarono mesi a discutere della sua natura controversa; tutti tranne Loeb, che pubblicò un articolo nel quale avanzava l’ipotesi che l’oggetto fosse un’astronave aliena. Secondo Loeb non è sbagliato affermare che possa davvero trattarsi di un’astronave aliena, o meglio: è giusto quantomeno prendere in considerazione la possibilità. Ovviamente esistono vari idee al riguardo dell’ esistenza o meno degli alieni. Le speculazioni sono senza fine e speriamo che prima o poi potremmo avere la certezza o meno dell’esistenza degli alieni. Intanto guardiamo il cielo e cerchiamo di scoprirlo noi.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: