Il Superuovo

C’è realtà dietro Iliade ed Odissea? Cinque elementi storici in Omero

C’è realtà dietro Iliade ed Odissea? Cinque elementi storici in Omero

I poemi omerici, Iliade ed Odissea, sono tra le opere epiche e classiche più note al mondo. Non trattano solo di miti, ma in essi sono contenuti anche riferimenti alla storia vera.

Dei ed eroi invincibili, ma non solo. Nei poemi del leggendario Omero sono diversi gli elementi realmente storici. Vediamone alcuni grazie alla ricerca di Pierre Carlier.

La dimora dell’eroe

Soprattutto nell’Odissea vediamo venir cantate le descrizioni di splendidi palazzi aristocratici, dove i nobili vivono con le proprie famiglie e la servitù. Questo è un elemento reale, ben documentato dai resti archeologici e che fa riferimenti all’incirca al periodo in cui il poema è stato composto. Come dimostrato dai versi di Omero, nelle case erano presenti il signore locale con la propria famiglia e un gran numero di servi, tra cui varie concubine. Questa dimora sembra, in molti casi, un proseguimento nella storia dei grandi palazzi micenei, dove vivevano i regnanti, ma che erano ogni giorno frequentati anche da un gran numero di lavoratori, guerrieri e viaggiatori.

Ricostruzione di Troia

Lo scambio come dono

Lo scambio di doni, armi, e dell’ospitalità stessa, sono tratti fondamentali della società greca arcaica. Il più noto episodio che ne tratta è forse quello di Glauco e Diomede. I due fortissimi eroi rifiutano di sfidarsi a duello perchè, tempo addietro, i loro nonni erano stati uniti dal vincolo dell’ospitalità e versare il sangue dell’uno o dell’altro sarebbe stato un sacrilegio. Al termine di un lungo colloquio al centro del campo di battaglia, i due si scambiano dei doni, per rinsaldare il legame che unisce le loro famiglie. Il dono, in queste società aristocratiche, equivale quasi a un contratto moderno, serve a suggellare un patto, un’alleanza o un’amicizia e ad impegnare i contraenti di fronte agli dei.

L’uso del carro

Gli eroi omerici possiedono, specialmente nell’Iliade, splendidi e possenti carri. In questo caso, però, l’aedo fa confusione tra i suoi tempi e quelli, anteriori, dei Micenei. Infatti all’epoca i carri, attraverso le nozioni del vicino oriente, erano usati come formidabili strumenti di guerra. In epoca arcaica, invece, i Greci li utilizzavano principalmente per le competizioni sportive o eventualmente parate. Questo fa sì che l’aedo immagini l’utilizzo dei carri semplicemente come mezzo di trasporto da una parte all’altra del campo di battaglia e non come un’arma vera e propria. Si tratta quindi di una reminiscenza a metà, che coniuga la tradizione micenea che incarnano gli eroi, con quello che i cantori vedevano ai giorni loro.

La vita assembleare

Nei due poemi ci sono numerosissime scene di assemblea in cui, davanti al re e a un consiglio ristretto dei suoi uomini più fidati. Questo è quello che si vede all’inizio dell’Iliade, quando in assemblea sono riuniti Agamennone, Ulisse e Nestore, tra gli altri. In questi consessi gli oratori di turno perorano la propria causa cercando l’approvazione del popolo in armi e, in definitiva, del re. Solo a lui, in realtà, spetta la decisione definitiva, come effettivamente avveniva nel mondo antico monarchico. Rimane comunque interessante notare il ruolo dell’assemblea nelle discussioni più importanti: il re, se vuole mantenere il proprio potere, deve spesso cedere a compromessi con il parere dei suoi uomini fidati e influenti, proprio come a ben vedere fa Agamennone con Achille, su consiglio del saggio Nestore.

Le pratiche matrimoniali

Il matrimonio omerico ha diversi punti in comune con quello greco classico. In entrambi i casi possiamo parlare di una transazione tra padre e marito. La donna, come ancora oggi in alcune culture, rimane sottomessa prima all’uno e poi all’altro, senza voce in capitolo. Inoltre, siamo a conoscenza dell’esistenza dell’uso della dote, che il marito doveva versare al padre della sposa al momento del matrimonio. Di passi del genere, in cui si ricordano entità e qualità della dote, sono ricchi i poemi omerici e anche questo aspetto è un chiaro faro per la ricerca storica nei poemi epici più noti di sempre.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: