Il Superuovo

Anniversario della nascita di Liszt: ripercorriamo il progresso intellettuale del Romanticismo

Anniversario della nascita di Liszt: ripercorriamo il progresso intellettuale del Romanticismo

Anniversario della nascita di Liszt: considerato uno dei virtuosi dell’ottocento, porterà in Europa una vera e propria rivoluzione della tecnica pianistica durante il Romanticismo.

Egli fu compositore, pianista e direttore d’orchestra. Partendo dall’Ungheria portò la sua musica in tutta Europa e nel mondo. A sei anni era già un bambino prodigio e resterà nella storia per intere generazioni.

Impresso nella storia

In questa immagine possiamo vedere un tributo in suo onore realizzato nella città di Praga. Liszt incarna pienamente il profilo del virtuoso dell’ottocento europeo, viaggiò moltissimo e fu un intellettuale capace di superarsi sempre di più. Emblematica sarà la figura di Paganini per il proprio sviluppo e compimento artistico, che lo spinse all’innovazione. L’amico di una vita sarà invece Wagner, che arriverà ad essere addirittura suocero, per via di una figlia illeggittima di Liszt. Il carteggio tra i due è stato al centro degli interessi della critica, poichè si tratta di un’amicizia con alti e bassi. In ogni caso la stima reciproca tra i due artisti non è mai mancata, e sarà proprio Wagner a riconoscere in Listz la prima persona ad aver scomesso su di lui.

I rapporti intellettuali

Oltre all’amicizia con Wagner bisogna certamente ricordare due nomi illustri con cui entrò in contatto durante il soggiorno a Parigi. Si tratta di due intellettuali del calibro di Victor Hugo e Fryderyk Chopin. Parigi rappresenta dopo la rivoluzione francese il centro del mondo borghese e nei grandi salotti ci sarà spazio anche per la musica. Il decennio che inizia nel 1840 sarà quello della consacrazione: raggiunto l’apice del successo inizierà quello che oggi definiremmo un tour europeo, che aumentò ulteriormente la sua fama. Una delle opere più importanti di Franz Liszt ed è stata ispirata dal dramma di Johann Wolfgang von Goethe, Faust. Proprio a quest’opoera Goethe lavorò per gran parte della usa vita. Si tratta di una della maggiori figure di spicco della letteratura tedesca, tra l’altro anche grande amico di Hegel.

Un periodo di progresso intellettuale

I salotti borghesi dell’ 800’  svolgono un ruolo chiave per la divulgazione scientifica e per l’attività intellettuale. Riuniscono tra le più grandi menti dell’epoca aprendo al dialogo e alla conversazione. In Francia si tratta di una tradizione che affonda le radici tra il 600′ e il 700′. L’ occupazione delle truppe francesi in Italia avrebbe lasciato come eredità l’esperienza di una nuova socialità che rese partecipi uomini e donne, sull’esempio della ricca vita sociale tipica della corte di Luigi XIV. I salotti erano quindi il centro della vita sociale, in quanto offrivano possibilità di dialogo e confronto, senza però escludere il pettegolezzo mondano. Tra le nobili arti praticate letteratura, poesia, discussione scientifica o politica. Ma anche  musica canto e teatro.

 

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: