Anche la psiche dei serial killers esplorata in Mindhunter ha un’origine biologica

Tutto ciò che viene prodotto dal cervello, anche il pensiero e la coscienza, fa parte del mondo biologico. Con la nuova stagione di Mindhunter è possibile tornare ad esplorare gli abissi della psiche dell’uomo.

Mindhunter, poster della seconda stagione su Netflix

Spesso si considera la sfera anatomica e più materiale del corpo come a sé stante da quella psicologica e mentale: la fisiologia è la spiegazione di come il mondo biologico sia il responsabile anche di capacità complesse come pensiero e coscienza.

Che cos’è la fisiologia: la fisiologia del sistema nervoso

Quando si pensa alle funzioni svolte dal cervello tipicamente si considera il suo ruolo nella ricezione delle informazioni dall’esterno e dal resto del corpo, della loro gestione e nella generazione di una risposta agli stimoli. Il cervello tuttavia consente funzioni anche molto più complicate, tra cui si annoverano le funzioni cognitive superiori che possono essere definite come i processi mentali o psichici, pertinenti al conoscere, pensare, imparare e giudicare. Il pensiero, ad esempio, è la capacità di ragionare in modo logico e astratto, la coscienza è la capacità degli organismi viventi che, a vari livelli, consente di percepire e di interagire con il mondo esterno secondo uno schema ben preciso. In particolare, in condizioni fisiologiche, quindi non patologiche o di alterazioni, la coscienza è istantanea, lucida, vivida, precisa, continua.  Come è noto, come tutti gli organi che compongono il corpo, il cervello è costituito da cellule, in particolare da neuroni che comunicano tra loro a livello delle sinapsi: ma come è possibile che il cervello consenta operazioni molto più complesse rispetto a ciò che viene svolto dalle cellule che lo compongono? La spiegazione dei fenomeni e del comportamento interno dell’organismo su basi fisiche e chimiche è la fisiologia, il cui obiettivo è quello di capire il meccanismo delle funzioni superiori a partire dal livello cellulare. La fisiologia è ciò che permette il passaggio dello studio del cervello da struttura biologica a struttura mentale: tutto ciò che viene prodotto dal cervello fa parte del mondo biologico.

Sistema nervoso, ricostruzione parziale in 3d

Mindhunter indaga gli abissi della psiche dell’uomo

Tutto ciò che viene generato come comportamento dipende da un’organizzazione strutturale, e gli abissi della psiche dell’uomo sono certamente ancora un territorio da esplorare e da comprendere. Mindhunter è una serie thriller, ambientata nella seconda metà degli anni ’70, basata sulle registrazioni delle primissime interviste condotte dagli investigatori dell’FBI di Quantico ai pluriomicidi, rinchiusi nelle prigioni di tutto il territorio americano. È qui dove storicamente l’unità di scienze comportamentali ha iniziato a tracciare i profili, la fenomenologia e gli schemi di quelli che sono stati classificati come ‘serial killer’. È nella seconda stagione, disponibile da poco su Netflix, che è possibile ascoltare Charles Manson. Serial killer per induzione, condannato per aver manipolato i suoi seguaci al punto da spingerli a uccidere in gruppo, Charles Manson è probabilmente il più celebre assassino nella storia degli Stati Uniti. Vera e propria icona del Male assoluto, delinquente e corruttore di giovani menti, Manson ha trasformato la sua piccola comunità hippie nella “Family”, una setta pronta a compiere i crimini più efferati: si stima che le vittime presunte siano più di trenta.

Damon Herriman (a sinistra) interpreta Charles Manson (a destra)

La coscienza si può ‘annullare’: manipolazione di Manson o mania di controllo?

In un episodio della seconda stagione di Mindhunter si assiste a un monologo-intervista di Charles Manson, non una mera invenzione degli autori della serie, piuttosto una ricostruzione di parole che certamente delineano la sua personalità, il suo carattere. Manson era una persona lucida, e dal suo discorso possono emergere veramente tanti punti di riflessione. Mindhunter è per questa ragione una serie che indaga l’uomo, gli abissi della sua mente e sono proprio i dialoghi e i monologhi recitati magistralmente a caratterizzarla. Di Manson e della sua “Family” rimangono tanti, troppi dubbi: che si credi alla versione dei membri della sua setta o al folklore legato alla figura del leader, resta il fatto che l’opinione pubblica lo ha trasformato nel più grande serial killer della storia, nonostante a commettere gli omicidi furono altri. Troppi punti rimangono oscuri, troppe sono state le versioni date negli anni, e troppe sono le domande che ci si continua a chiedere. Ci si può veramente annullare al punto da infliggere consapevolmente sedici coltellate a una donna incinta? La coscienza può essere plasmata da qualcuno al punto da annichilire il proprio codice etico? Manson può essere considerato davvero un omicida, o forse la sua mania di controllo e autocompiacimento lo hanno portato a farsi protagonista degli omicidi efferati per evitare di perdere il controllo sulla ‘Family’?

Charles Manson

Il monologo di Charles Manson in Mindhunter

Di seguito la trascrizione delle parole di Charles Manson, nel monologo in Mindhunter (2×5).
La mia verità è semplice, e la vostra è complicata. Voi non lo vedete, ma la verità è ora. Ora è l’unica cosa reale. Le persone che chiamate “Family” sono solo bambini che non volevate, che avete gettato come rifiuti. Io li ho raccolti dal ciglio della strada e ho detto loro questo: “nell’amore non c’è alcun male”.
(…) Guarda te stesso, giudica le menzogne in cui vivi. Questi figli che vengono da voi con i coltelli sono Vostri figli, educati da Voi, non li ho educati io. Io ho cercato di aiutare loro ad alzarsi. È colpa mia se i Vostri figli fanno quello che fanno? I Vostri figli che state trascurando? Dovete parlare con voi stessi. Charles Manson è l’uomo più pericoloso al mondo?! Capo di una setta hippie, programmava le persone ad uccidere?! Fai ciò che il tuo amore dice di fare, io faccio ciò che dice il mio. (…) Non esiste il bene o il male, solo tanti è. Qualunque cosa sia la vità, è. Bene e male non c’entrano niente. Nessuno muore mai, nessuno vive mai. Sono due parole di un gioco superato. Ogni cosa è amore, non c’è niente che non sia amore.  Devi imboccare una strada diversa. Metti i vestiti a rovescio e lascia che ridano di te. Mangi la carne con i tuoi denti, uccidi cose migliori di te, e dici che i tuoi figli sono assassini. Io non ho ucciso nessuno, e non volevo che nessuno fosse ucciso. Non ho indotto nessuno a fare niente di diverso da quello che volevano fare. Lascio sempre andare i bambini. Se cadono è così che si impara, si diventa più forti cadendo. Dovremmo guidarli dove? Dove li hai saputi guidare tu? Questa rabbia che provi è solo rabbia che provi verso di te. Trovati qualcun altro da incolpare, sono stanco di essere il tuo capro. Sono stanco di essere il tuo riflesso. (…) Sono tutto ciò che vuoi farmi essere. Ma quello che vuoi è un demonio, perché è quello che sei tu. Non ho mai avuto voce nel tuo mondo, lo hai creato tu. La prigione è uno schema mentale. Siamo le nostre stesse prigioni, le nostre guardie e scontiamo le nostre pene. La prigione è nella tua mente. Ma non vedi che sono libero? TU, non sembri libero a me. Mi sembri una combinazione di quello che qualcuno ti ha detto che sei. Vivi per l’opinione degli altri, hai il dolore dipinto in volto e ti chiedi se si noti’.

Registratori per le interviste con i serial killer, Mindhunter intro, Netflix

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.