Tesla colpita da un aereo, ma resiste all’incidente

Tesla colpita da un aereo, ma resiste all’incidente

23 Settembre 2018 Off Di Francesco Rossi

Una Tesla Model X e un aereo da turismo di proprietà del DEA (Drug Enforcement Administration) si sono scontrati nei pressi di Houston, negli Stati Uniti. L’aereo, usato da un pilota in fase di addestramento, ha avuto un guasto meccanico e durante l’atterraggio di emergenza ha colpito alcune auto. Tra queste la Tesla di un imprenditore, Oniel Kurup.

Incidente Tesla

L’auto incidentata e, dietro, l’aereo del DEA

L’incidente della Tesla

Il proprietario dell’auto, l’imprenditore locale Oniel Kurup, ha pubblicato su Facebook le foto dell’incidente. Ha dichiarato “ho visto passarmi la vita davanti come un flash”. Fortunatamente non ci sono stati nè morti nè feriti. Stupisce la solidità della macchina, che nonostante il forte impatto non ha subito i danni che ci si potrebbe aspettare da uno scontro simile. Lo stesso imprenditore ha sottolineato che è uscito dal veicolo senza neanche un graffio. All’inizio, però, i soccorsi non sono arrivati perchè gli operatori credevano si trattasse di uno scherzo di cattivo gusto: non succede spesso che un aereo colpisca una macchina in corsa. Le indagini poi hanno evidenziato che l’aereo è di proprietà del Dipartimento antidroga degli Stati Uniti e un pilota lo stava usando durante l’addestramento.

Il sistema Autopilot Tesla

Tesla incidente

L’aereo che ha colpito la Tesla

Nelle ultime settimane la compagnia Tesla è al centro di polemiche incrociate. Da un lato sta perdendo punti in borsa in seguito a un tweet del CEO Elon Musk in cui proponeva di togliere l’azienda dalla Borsa (“delisting“) e così privatizzare la società al prezzo di 420$ per titolo da far acquistare ai soci. Dall’altro lato aumentano le segnalazioni sulla criticità del sistema di pilota automatico Autopilot. Una donna dello Utah ha anche denunciato la società affermando di aver avuto un incidente mentre il sistema era attivo. Heather Lommatzsch, questo il suo nome, ha dichiarato di aver tamponato un camion dei pompieri anche se il sistema automatico avrebbe dovuto frenare. La società ha risposto che il conducente deve comunque tenere sempre le mani sul volante, cosa che la donna non ha fatto. Nel caso dell’incidente di ieri per fortuna non sarà data la colpa al sistema Autopilot: nessuno si immaginava di dover prevedere un aereo dal cielo.