Il dolore fisico e psichico

Una delle condizioni comuni ad ogni essere umano è la sofferenza, il dolore. In realtà, si potrebbe dire che non accomuni solamente gli umani, ma anche dei, alieni ecc… Se considerassimo, però, questi, come una proiezione Feuerbachiana di paure e dolore, ritorneremmo al punto di partenza: l’uomo. Per comprendere, però, l’essenza del dolore, è necessario fare almeno una prima macro-distinzione: quella fra dolore fisico e psichico. In realtà è difficile segnare un ideale confine che possa dividere nettamente le due categorie, perché sono spesso in mutuo rapporto di causa-effetto.

Risultati immagini per dolore

Il dolore nel mito

Ad una prima lettura, ci si potrebbe fare l’idea dell’incontrastata presenza del dolore fisico nei miti di Issione e Sisifo, per via delle pene a cui i due mortali sono stati condannati. Il primo, nonostante fosse stato perdonato una prima volta da Zeus, aveva cercato di possedere carnalmente la dea Era. Il padre degli dei, venuto a conoscenza del triste fatto, mandò a Issione una nuvola, Nefele, con le sembianze di sua moglie, e riuscì a cogliere in flagrante il giovane. Per punirlo decise, insieme al dio Hermes, di legarlo ad una ruota di fuoco con serpenti, sulla quale avrebbe girato, nel Tartaro, per l’eternità.

Risultati immagini per mito di issione

Il secondo, invece, era stato punito dagli dei per la sua sagacia e per la sua hybris, che aveva dimostrato sfidando prima Zeus, poi Tanato, e infine Persefone (o in altre versioni Ade). La punizione attribuitagli consiste nel dover trascinare un enorme sasso dalla base alla cima di una montagna. Il masso, però, rotolerà sempre giù una volta avvicinatosi alla cima, condannando Sisifo per l’eternità. Nonostante entrambi i protagonisti siano assiduamente sottoposti al dolore fisico, un’attenta analisi ci permetterebbe di comprendere che l’idea del dolore eterno intacca la psiche più di quanto lo facciano i supplizi con il corpo.

Risultati immagini per mito di sisifo

Il dolore in “After Life”

A differenza dei due miti, il punto di partenza per la sofferenza di Ricky Gervais, creatore e protagonista della serie Tv “After Life”, è un dolore spirituale. Egli, infatti, si ritrova vedovo fin dall’inizio della serie, poiché sua moglie è morta poco prima per un cancro al seno. La tragedia personale lo segna a tal punto da tentare più volte il suicidio. Ciò che lo frena è la responsabilità nei confronti del cane, che gli permette, insieme al video-testamento lasciato dalla moglie, di sentire la propria cara ancora vicina. Il dolore lo attanaglia, ma Tony (Ricky Gervais) non fa nulla per nasconderlo. Anzi. Lo rigurgita in faccia a chiunque incontri, indicando, con pungente ironia, la vacuità che lo circonda.

Risultati immagini per after life ricky gervais

Ma questa situazione non è destinata a rimanere invariata e la serie sarà capace di regalare piacevoli risvolti…Avrà successo la serie tv? Agli spettatori la “dolorosa” sentenza.

Mattia Vitale

 

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: