Il Superuovo

Respiro cosmico

Respiro cosmico

Il concetto di simmetria è una caratteristica che lega la natura e la geometria. Basti pensare alla simmetria del corpo umano, a quella di una farfalla o ad un frutto diviso a metà. Molti studiosi, come matematici, fisici e chimici, hanno riscontrato nei loro studi questa peculiarità della natura presente sia nell’infinitamente grande che quello piccolo. Espandendo i nostri orizzonti possiamo notare come anche le strutture del cosmo presentano una simmetria, alla quale si legano affascinanti teorie sull’origine e la fine dell’universo. Albert Einstein, attraverso la teoria della relatività  speciale, ci ha lasciato una grande eredità da seguire per studiare l’universo, nella speranza di trovare, un giorno, le risposte agli enigmi dell’uomo. Sfruttando il principio della simmetria, alcuni scienziati hanno esposto una teoria innovativa volta a spiegare l’origine dello spazio che ci circonda e l’equilibrio che ne regola i processi, attraverso il ciclo di morte e rinascita. Il Big Bang è l’evento con il quale l’universo ha cominciato ad espandersi. Quest’espansione la si deve immaginare come la superficie di un pallone che va gonfiandosi: i punti sulla superficie, così facendo, si andranno espandendo in maniera simmetrica. Con questo banale esempio è possibile intuire l’evoluzione del cosmo, dalle sue origini fino alla sua fine.

Teoria dell’universo simmetrico e le ultime scoperte

Il Big Bang è solo un punto di riferimento di infiniti cicli continui ed immutabili (perché non può esistere nulla al di fuori del sistema che può mutare le cose, per definizione di “universo”). L’espansione dell’universo, attraverso un percorso quadridimensionale simile al nastro di Moebius fa incontrare ogni corpo con il suo “anti-corpo” ai “confini” del cosmo in simmetria speculare dove, attraverso un urto perfettamente elastico, dà inizio alla fase di contrazione (Big Reflection). Ogni massa-energia ritorna ad incontrarsi, in simmetria sferica, con la sua anti-massa-energia, nel punto dove era “iniziatato” il tutto (Big Crunch). Lì “scompare” annullandosi per “riemergere” nuovamente in un altro Big Bang.
Tutto si riforma identicamente al ciclo precedente, come in un film in cui la fine della pellicola viene congiunta al suo inizio. Gli ultimi studi da parte dei ricercatori del MIT, attraverso l’osservatore di neutrini IceCube in Antartide, hanno riportato lo studio effettuato sulla rivista Nature Physics confermando  l’idea di Einstein di descrivere l’universo come perfettamente simmetrico. Questo risultato è stato ottenuto seguendo l’ipotesi secondo cui si dovessero misurare, in ogni direzione, le stesse leggi della fisica. Così  facendo si va sempre più vicini nell’accreditare questa teoria che sempre più assomiglia ai movimenti di un “respiro cosmico”.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: