Il Superuovo

“Musica Automata”, l’esordio della più grande orchestra robot del mondo

“Musica Automata”, l’esordio della più grande orchestra robot del mondo

Costituita da strumenti acustici, è guidata da un’interfaccia MIDI che permette di controllare la riproduzione del suono di ognuno tramite un computer.

 

particolare di un sax dell’orchestra

Un’esperienza multisensoriale

Il musicista, compositore e produttore italiano Leonardo Barbadoro, probabilmente conosciuto ai più con il nome di Koolmorf Widesen, ha deciso di rivoluzionare il mondo della musica d’orchestra, affidando l’esecuzione di un repertorio di brani da lui stesso composti, a più di 60 strumenti guidati da un programma che invia loro specifici file MIDI che li guidano nella riproduzione del giusto suono.

Per fare ciò, l’ex chitarrista fiorentino ha dovuto lasciare la sua città natìa per dirigersi a Gand (in Belgio) dove ha potuto incontrare Godfried-Willem Raes, fondatore della Logos Foundation, un’azienda no-profit che si occupa proprio di composizione e produzione di particolari generi musicali, essendo inoltre attiva nel campo della ricerca nella musica contemporanea.

Logos Foundation significa anche “esibizioni” e queste, tenute nello straordinario complesso (adiacente alla struttura di ricerca ed agli studi di registrazione) del Logos Tetrahedron– un anfiteatro dalla forma tetraedrica- offrono un’esperienza speciale agli spettatori, i quali possono confrontare i movimenti compiuti dagli automi con il suono che essi producono.

la struttura ospita anche esibizioni “miste”

Addio musicisti?

L’esecuzione musicale dei robot, grazie alla sua estrema precisione, “può superare su molti fronti quella di un musicista tradizionale, e dunque introdurre nuove possibilità espressive mai sperimentate finora”, queste le parole di Barbarossa che però tende a precisare la presenza dell’uomo che muove i fili dietro gli ingranaggi di riproduzione. Lo scopo è di coordinare le azioni di quelle che possono essere considerate solo delle appendici di un organismo: questo garantisce il valore artistico della musica, che non viene intesa come mera “riproduzione di codici binari”.

Il progetto è finanziato sul sito di crowdfounding Kickstarter fino all’ 8 Luglio, dove è possibile acquistare l’album in vinile, CD e in digital download. Inoltre è disponibile il biglietto per un concerto esclusivo con l’orchestra di robots.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: