Gli uomini si sentono ancora superiori? Ascoltate Salmo e lo scoprirete

“Il cielo nella stanza” di Salmo è il singolo feat. NSTASIA dell’album “Playlist”.

Dopo aver spopolato con il suo ultimo album, Salmo ha deciso di rendere disponibile questo pezzo d’amore dedicato alla sua ragazza Greta Menardo. E’ interessante considerare il preconcetto di uomo presente dietro questa canzone, soprattutto se associato alla nota teoria del ruolo sociale di Eagly e Wood.

Le componenti significative del testo

Il brano è una delle poche tracce romantiche presenti nel disco, una ballad in cui il rapper sardo si mette a nudo, nonostante “i versi d’amore mi fanno sentire uno stupido”. “Ho 34 anni, fino a poco tempo fa non avrei mai pensato di fare un pezzo del genere. Ci sono arrivato piano piano, così personale, diverso. Ora mi sentivo pronto, e mi sono buttato”. Notevole il passo compiuto da Salmo, il quale ha deciso dunque di distruggere parte di quelle barriere che non gli hanno quasi mai permesso di esprimere la sua emotività attraverso una canzone. Proprio perchè la sua emotività viene mascherata -basti vedere la nota volgare che lui stesso vuole restituire all’amore- si possono dedurre le basi che gli hanno concesso questo blocco.

Molto spesso nel brano Salmo descrive la sua emotività come un luogo freddo, privo di calore. Non a caso la razionalità viene associata alla sensazione di freddo, in contrapposizione al caldo dell’emozione. Dunque come è possibile che l’artista restituisca una sensazione fredda all’amore? E’ proprio questo il blocco di cui parlavo in precedenza. E’ molto difficile comprendere e modellare le proprie emozioni, perciò come barriera, come scudo, ci si difende dall’emotività attraverso la razionalità.

“A volte sono un mostro, il cuore chalet freddo come il posto che piace a te”. “L’amore fa perdere il lume è come l’inferno ma piovono piume”.”Mani ghiacciate sul cuore”. “Può fare freddo anche il 15 agosto”. Ossimoro che restituisce perfettamente il contrasto emozione e razionalità, necessario per intuire il discorso che concretizzerò nell’ultimo paragrafo.

Teoria del ruolo sociale di Eagly e Wood

La teoria del ruolo sociale, proposta da Eagly e Wood (2011), afferma che i differenti ruoli sociali, svolti da uomini e donne, si strutturano in base alle differenti credenze che le persone hanno relativamente alle caratteristiche maschili e femminili di personalità. Da queste credenze discendono i preconcetti di genere, ovvero che le donne sono più portate verso ruoli di accudimento sociale, che hanno come paradigma di fondo la protezione e la cura; invece, gli uomini sono più predisposti verso ruoli sociali che permettono l’affermazione di sé e il dominio sugli altri.
Da qui ne deriva anche la predisposizione da parte degli uomini alla razionalità, associata al dominio sugli altri (espresso semplicemente: chi è più razionale è più forte), e la conseguente predisposizione della donna all’emotività, dunque considerata come segno di debolezza.

 

Ripresa della teoria del ruolo sociale nell canzone di Salmo: il preconcetto di uomo

Come enunciato dalla teoria del ruolo sociale, si può vedere come i preconcetti che riguardano l’uomo e la donna ci condizionano a 360°, influenzando le nostre idee, il nostro comportamento, le nostre abitudini. Se non fosse già chiaro, dunque, vi spiego meglio dove vedo nella canzone del rapper italiano la ripresa della teoria presa in esame.

La tendenza da parte dell’uomo al dominio e all’affermazione sugli altri si è modificata inevitabilmente con il passare del tempo. Soprattutto grazie all’emancipazione da parte delle donne, il preconcetto di uomo sta prendendo altre forme, magari più recondite, ma comunque esistenti. Una delle possibili vie che esso può percorrere riguarda il binomio razionalità-emotività: un uomo con la U maiuscola non può mostrarsi debole emotivamente, secondo questo preconcetto non dovrebbe soffrire per questioni affettive, dovrebbe dunque instaurare la gerarchia innanzitutto dal punto di vista emotivo per affermarsi. Nel testo di “Il cielo nella stanza” è ben presente questo senso di affermazione, tutti i riferimenti alla freddezza restituiscono un senso di razionalità apparentemente facile da controllare.

Certamente, non si deve considerare come estremo il sentimento di affermazione di Salmo: il fatto di riconoscere la sua perdita di “lume”, così come il fatto che abbia prodotto una canzone del genere sono già dei buoni passo verso la dichiarazione della sua fragilità. Dunque distacchiamoci dal considerare che la fragilità deve essere eliminata perchè, nel caso in cui vi dovreste trovare con questo presupposto, state ben certi che non la state eliminando, ma soltanto mascherando.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.