Licurgo (Λυκοῦργος) fu di certo il personaggio più enigmatico della storia spartana, acclamato e talvolta divinizzato dalle generazioni successive all’VIII sec. a.C. (presumibile data della sua morte). Secondo la tradizione fu il primo legislatore di Sparta, il quale acquisì benevolenza e popolarità poichè reo di aver fornito alla polis un agglomerato di leggi non scritte, fondate sulla παιδεία (educazione). La consistenza storica di questo personaggio è quantomeno dubbia, ma parecchi studiosi arcaici e odierni hanno delineato un pensiero sulla questione, rendendo il tutto di più chiara comprensione.

Licurgo secondo la tradizione arcaica

Licurgo, secondo le fonti antiche, diede ordine in una Sparta in preda ad ἀταξία (disordine) e ἀνομία (assenza di norme) a causa di conflitti al potere, costituendo una solida Νόμος (insieme di leggi) e riuscendo a garantire τάξις (ordine). Parecchio celebre fu l’episodio secondo il quale egli architettò uno stratagemma per far sì che il popolo seguisse le sue leggi, facendo promettere a quest’ultimo di seguire rigorosamente le sue norme fino al suo ritorno da un viaggio che stava compiendo, salvo poi non ritornare più (suicidandosi probabilmente), garantendo stabilità alla polis.

Opinioni di studiosi antichi

Erodoto tramandò che l’oracolo di Delfi avesse definito Licurgo più un Dio che un uomo, mentre Plutarco dichiarò che non si potesse dire nulla su Licurgo che non fosse opinabile. Da ciò, si comprende quanto confusa fosse l’effettiva figura del legislatore spartano, visto ora come eroe, ora come divinità, ma quasi mai come concreto personaggio storico. Riguardo l’argomento, è parecchio significativo il silenzio di Tirteo, importante poeta spartano.

Conclusioni odierne

Attualmente, si crede probabile che “Licurgo” sia stato una sorta di nome collettivo, a cui gli spartani avevano attribuito la genesi della costituzione della polis stessa. In toto, con “Sparta licurgica” dobbiamo quindi definire una serie di trasformazioni sociali che interessarono e modificarono Sparta dall’età arcaica all’età classica. Dunque Licurgo è da definire quasi certamente come una divinità solare (dall’etimologia del nome “che emana luce”) apprezzato in città da tempi immemori. La costituzione spartana si creò con un lento processo durato secoli, accompagnato da etnogenesi graduale. Di sicuro, però, il fatto che ci fosse questa credenza mitica di Licurgo fra gli spartani, favorì il rigoroso rispetto delle leggi, quasi fosse tramandato da imposizione divina, per far sì che si sviluppasse un’etica “sociale”.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.