Tutti cerchiamo l’approvazione altrui, oggi come nel ‘600:le Monsieur Jourdain

Il borghese gentiluomo è una commedia di Molière incentrata su un personaggio Jourdain, un borghese arricchito che farebbe di tutto per conquistare la classe aristocratica e per essere accettato da coloro che ne fanno parte; di conseguenza assume maestri di danza, canto, poesia, filosofia e scherma, non tanto per dedicarsi a tali discipline quanto per accrescere la propria etichetta di nobiltà.

Monsieur Jourdain e Instagram…

Se fosse vissuto oggi, avrebbe sicuramente sfruttato il potere e la divulgazione che derivano da queste piattaforme oramai indispensabili alla vita umana: i social network. Oggigiorno ciascun utente di Instagram o qualsiasi altro social vede se stesso ed il mondo circostante attraverso il filtro del proprio smartphone. Instagram di per sé si concentra sull’empatia che può suscitare un’immagine, seppur fugace. Quante volte ci è capitato di scorrere nella home e ci si è stretto il cuore alla vista di un bambino denutrito; nonostante ciò quanti di coloro che mettono il like alla foto aiuterebbero davvero quel bambino.

L’approvazione degli altri si misura in like

Credo si possa affermare che anche l’empatia si sia digitalizzata, quell’empatia trattata da Smith ne “La teoria dei sentimenti morali”. Smith, sommariamente, in quest’opera ci rivela quanto l’uomo abbia bisogno del confronto o meglio dell’approvazione altrui, in ogni circostanza, da quella in cui si fa del bene a quella in cui si fa o si riceve del male. Lui la chiamava simpatia, ovvero quel sentimento che proviamo nell’immedesimarci nell’altro e approvare o disapprovare la sua reazione. (In inglese empatia è tradotto sympathy). Ad esempio nel vedere una persona compiere un gesto generoso ci aspettiamo che chi riceve questo gesto sia grato e contraccambi in qualche modo la generosità ricevuta.

immagine di @someonecalledruben – clicca per visualizzare immagine Instagram

 

Nel confrontare la commedia di Molière con le teorie di Smith si può affermare che Monsieur Jourdain sia un personaggio molto attuale e che resterà sempre tale in quanto rispecchia la brama del like di oggi, del piacere agli altri. E’ necessario anche distinguere il voler piacere agli altri per come si è davvero e per ciò che si fa, in quanto ricevere un complimento, ad esempio per il proprio lavoro, risulta sempre gratificante; ma ricevere tanti like per una foto che non rispecchia affatto la tua vera identità credo porti ad un circolo vizioso in cui si era addentrato anche il protagonista di Molière: essere accettati per qualcosa che non si è e che Smith non avrebbe approvato.

Molto probabilmente Smith oggi avrebbe dovuto enfatizzare la propria simpatia, che si sta perdendo, come si sta perdendo il contatto umano.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.