Il Superuovo

Il presidente è scomparso

Il presidente è scomparso

Gli incontri, checchè se ne dica, cambiano la vita. Ci sono incontri che avvengono per caso, e il dispiegarsi del rotolio conseguenziale è solo una conferma che rende omaggio a un destino fortunato. Poi ci sono incontri voluti, desiderati e l’anelito si consuma in una fiamma destinata ad accendere gli animi di tutti. Perché in fondo la storia è fatta di desideri, passioni e incroci che una volta imboccati non portano più indietro. Incroci fortunati o agognati; incroci come quello tra lo scrittore più venduto al mondo e un presidente degli Stati Uniti: James Patterson e Bill Clinton.

Ma la storia, anche quella con la esse maiuscola, è fatta soprattutto di misteri. La verità è lì, potremmo sfiorarla, quasi prenderla, guardarla, indagare i suoi profili più intimi. Poi c’è una deviazione, una nuvola di fumo che avvolge completamente il quadro e quando svanisce nulla è più come prima. Nulla, neanche il luogo più vigilato del mondo, più misterioso del mondo, la Casa Bianca. Soprattutto quando nella nuvola scompare una persona, ma non una qualunque: quando scompare il Presidente degli Stati Uniti d’America.

La Casa Bianca

Un thriller che ci conduce nella West Wing della Casa Bianca, nello Studio Ovale del Presidente, sede di un potere smisurato e vertiginoso, uno di quelli in cui s’intersecano i fili più sconnessi: dalle decisioni lampo alla pressione corrosiva, dagli stimoli ineffabili alle clamorose prese di posizione raccontate attraverso il filtro di Bill Clinton, l’unico a vantare la conoscenza accurata di un luogo inappetibile al mondo esterno. Esperienze che non capitano spesso nella vita e che solo il genio giallo di Patterson misto all’esperienza di uno dei presidenti più misteriosi della storia possono creare, dando vita a uno dei casi editoriali dell’anno edito da Longanesi.

La storia, ambientata nelle più alte sfere del potere, oscilla tra realtà e fascino thriller, presentando un episodio straordinario quanto controverso: il presidente è scomparso nel nulla. E mentre ci si interroga su come la persona più osservata e protetta del mondo possa volatilizzarsi da un momento all’altro, il Presidente ha un compito arduo: salvare se stesso, le sue scelte e il suo più intimo segreto, messo a repentaglio anche da un sicario singolare che prepara un difficile attentato.

Presentazione de ‘Il presidente è scomparso’

Il mondo è sotto shock e una mossa sbagliata della pedina sullo scacchiere potrebbe aprire una spaccatura tragica. È il mondo del potere in tutte le sue contraddizioni, ma è anche l’esordio letterario di Clinton, permeato da un’attenzione particolare a tematiche di stridente attualità, come i casi di spionaggio, hackeraggio e complottismo terroristico internazionale.

Non si potrà più camminare come prima. Perché ci sono incontri che cambiano la vita. Incontri, incroci, bivii che una volta imboccati non conducono più indietro. Se poi la strada conduce dentro la Casa Bianca, c’è solo un modo per uscire: affidarsi alla prospettiva unica dell’esperienza di un presidente, consapevoli che nulla sarà più come prima.

 

#Ad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: