Una compagnia neozelandese, la Mars Bioimaging, è riuscita a produrre la prima radiografia 3D a colori del corpo umano utilizzando uno speciale scanner il cui componente principale è il rilevatore Medipix. Inizialmente questo rilevatore era stato sviluppato dal CERN di Ginevra per osservare l’ormai famoso Bosone di Higgs. La particolarità di questa tecnologia è la possibilità di individuare le componenti chimiche del campione in esame. Questo permette di distinguere i vari tessuti del corpo umano, compresi quelli tumorali.

Diagnosi sempre più accurate

Il sistema della Mars Bioimaging permette di ottenere molte più informazioni rispetto a una tradizionale radiografia ai raggi X. Prima di tutto grazie ad algoritmi matematici e alla potenza dei calcolatori di oggi si possono ottenere immagini tridimensionali che possono per esempio aiutare i chirurghi individuare con precisione eventuali aree da asportare, riducendo al minimo il danno al tessuto sano. Il particolare rilevatore è in grado anche di misurare l’energia dei raggi X che attraversano la parte del corpo in esame e quindi di distinguere i vari materiali che la compongono come il tessuto grasso, il muscolo i vasi sanguigni, le ossa e addirittura anche eventuali parti danneggiate o tumori. In questo modo si possono effettuare diagnosi molto più accurate. Inoltre in caso di intervento chirurgico, sì può essere molto precisi e operare nella maniera meno invasiva possibile per il paziente.

Radiografia
Gli inventori del nuovo scanner per radiografie 3D a colori, Phil ed Anthony Butler (fonte: Università di Otago, Christchurch) RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA/Ansa

La tecnologia è già stata sperimentata sull’uomo

In particolare la prima persona a provarla sul proprio corpo è stato Phil Butler, fisico dell’università neozelandese di Canterbury e fondatore della Mars Bioimaging che ha sviluppato lo scanner assieme al proprio figlio radiologo.

Lo sviluppo di questa nuova tecnologia è un esempio di come diversi, e apparentemente distanti, settori del mondo scientifico entrano sempre più spesso in contatto portando novità che semplificano e migliorano la qualità della vita. Infatti anche solo la scoperta e lo sviluppo della “semplice” radiografia a raggi X venne fatto dal fisico Röntgen nel 1895. Successivamente i fisici hanno sempre cercato di migliorare il campo dell’imaging medico portando allo sviluppo della PET della TAC e della RMN.