Riscopriamo Gascoyne, il poeta dimenticato che aderì alla follia surrealista

Riscopriamo Gascoyne, il poeta della follia surreale che fu dimenticato dal mondo. Si tratta di un grande scrittore britannico, che per varie vicissitudini è rimasto poco conosciuto al pubblico.

Il poeta ha sviluppato una certa sensibilità dopo aver sofferto molto.  Mentre Jimi Hendrix e i Doors suonavano al celebre ”Isle of Wight Festival”, egli fu ricoverato per disturbi nervosi all’ospizio per malati.

La sua formazione e le influenze

In una prima fase David Gascoyne scrisse un libro sulla follia di Hölderlin e si iscrisse al Communist Party. I suoi primi mentori furono William Blake e Marx, che influenzò profondamente generazioni di giovani. Successivamente si avvicinò anche alle posizioni di Orwell. Proprio quest’ultimo, autore del celebre romanzo 1984, si schierò in prima linea durante la guerra civile spagnola. Omaggio alla Catalogna è la testimonianza più preziosa che abbiamo riguardo alle milizie del POUM, partito spagnolo di stampo marxista. Anche Gascoyne andò in Spagna seguendo il suo esempio e le sue ideologie. Entrambi si schierarono contro il franchismo, ma anche contro il partito dei rossi, incarnando maggiormente gli ideali di una sinistra socialista di stampo marxista. Si tratta del POUM, che poi fu esiliato e segui maggiormente gli ideali incarnati da Trotzki piuttosto che Stalin. Il rifiuto della politica arrivò presto, e lo condusse verso posizioni maggiormente mistiche e metafisiche.

La giovinezza

Egli si avvicinò molto al movimento surrealista parigino tentando di esportare questo tipo di arte In Inghilterra. Il primo tentativo fu denominato ‘’Short Survey of Surrealism’’ e risale al 1935. Questo grande entusiasmo lo vide scendere in piazza In Inghilterra affianco di artisti del calibro di De Chirico, Picasso, Picabia, Paul Klee e Duchamp. Allo stesso tempo però non amava che la propria arte fosse vincolata e imprigionata nella corrente surrealista. In ogni caso fu molto attivo nella produzione poetica. Scrisse poesie per Salvador Dalí e René Magritte. Viene definito il poeta della follia surreale, che fu dimenticato dal mondo anche per la malattia mentale. Frequentò i circoli intellettuali di spicco nella prima metà del 900, fu molto apprezzato dai più grandi artisti di questo periodo, ma a livello popolare non riuscì a raggiungere quella notorietà dei suoi colleghi.

Il surrealismo e Gascoyne

Il surrealismo è un movimento d’avanguardia nato a Parigi nella prima metà del 900, più precisamente negli anni 20. Possiamo considerare Breton padre e teorico di questo movimento, che successivamente ebbe sviluppi differenti. Le immagini proposte dal poeta sono surreali ed idilliache. Una delle più celebri è quella di Semptember Sun, ma in tutte le sue poesie possiamo notare una spiccata sensibilità, che conferisce nuova vitalità ad un romanticismo nostalgico. Di lui diranno che è un poeta francese che scrive in inglese. Dalla sensibilità deriva la sofferenza e la capicità di cogliere dettagli e sensazioni invisibli per la maggior parte delle persone. Per questo non va ricordato come un incompiuto, ma come un poeta da riscoprire.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.