Le nostre case, le nostre città si stanno piano piano riempiendo di luci, addobbi natalizi.

I negozi si riempiono di clienti per organizzare feste, cenoni e regalare ad amici e parenti doni fantastici.

E’ la magia del Natale!

Il merchandising natalizio ci colpisce in ogni dove: come non ricordarsi a memoria le canzoni natalizie delle pubblicità di pandori e panettoni: “E’ Natale e a Natale si può dare di più!”.

Chiese e luoghi di culto si inebriano dei cori gospel con i classici “Bianco Natal” o “Tu scendi dalle stelle”.

Musiche e odi che diffondono storie di amore e solennità nell’aria: ma è davvero così?

La “magia” della festa.

Psicologicamente parlando, il fenomeno natalizio porta in modo influente emozioni dolci e avvolgenti che accolgono le persone e le colpiscono al cuore.

Questo calore, che si ritrova solo una volta l’ anno, riaccende nella mente di ognuno di noi sensazioni che si ricollegano alla famiglia, allo stare insieme, i quali vengono accantonati nella vita di tutti i giorni, per motivi lavorativi maggiormente.

I bambini, il sale delle nostre vite, portano orgoglio e spensieratezza,che fanno tornare anche noi adulti nel periodo della fanciullezza.

Sarà tutto vero?

La risposta a questa domanda, purtroppo, è banale ma allo stesso tempo concreta: no.

Queste sensazioni che si diffondono nelle menti sono frutto di un fenomeno studiato dalla psicologia sociale: l’ influenza sociale.

L’ influenza sociale è un segno della società, il quale indica l’ influenza,appunto, di comportamenti, atteggiamenti ed opinioni provenienti dalla maggioranza, che hanno come bersaglio l’individuo.

In questo caso, vedendo festoni, luci; ascoltando canzoni e accogliendo concittadini e amici che ci fanno gli auguri, si innesca il circolo del piacere che innalza il nostro livello di autostima e , in poche parole, ci rende felici riaccendendo vecchi ricordi della vita in famiglia durante l’ infanzia.

Tutto,però, è destinato a finire.

“L’Epifania tutte le feste porta via!”. E’ un proverbio odiato da molti piccoli e grandi.

E’un falso mito! Infatti, basta sconfiggere il fenomeno dell’ influenza sociale e vivendo la vita di tutti i giorni con serietà sì, ma comunque pensando che quelle ire quotidiane, quei ritmi serrati, quei problemi sono vani e appartenenti a una delle tante sfumature della vita mentale umana.

natale

Natale può essere tutti i giorni, staccando anche per cinque minuti la spina e dando alito al bimbo che vive dentro ognuno di noi, accontentandoci di quelle piccole cose che ci circondano.

                                                                                                          Mattia Mancini

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.